I nuovi modelli di business del settore assicurazioni auto

0
14

Le scatole nere sono dei piccoli dispositivi da installare sulla propria auto, arrivati sul mercato circa 15 anni fa. Nel corso di questi anni ne sono state installate oltre 7 milioni. Secondo gli esperti del settore inoltre entro il 2020 i dispositivi installati dovrebbero raggiungere quota 9 milioni, che corrisponde a circa il 28% delle auto in possesso di assicurazione. A fare da traino a questo fenomeno sono stati i vantaggi economici che le compagnie assicurative hanno offerto ai loro clienti nel caso in cui avessero deciso di optare per una black box.

Perché le compagnie hanno deciso di garantire delle offerte così interessanti?

Perché per loro avere auto assicurate in possesso di scatola nera è conveniente, dato che in questo modo hanno la possibilità di tenere traccia delle modalità in cui gli incidenti hanno luogo e di evitare ogni truffa assicurativa, truffe che sino a qualche anno fa risultavano invece purtroppo piuttosto elevate e compromettevano il settore. Non è tutto. Le scatole nere infatti consentono alle compagnie assicurative di effettuare un miglioramento delle performance tecniche e intrecciare con il cliente un rapporto più forte, elementi fondamentali per nuovi modelli di business che possono decretare il successo delle compagnie assicurative odierne.

Nuovi modelli di business: migliorare le performance tecniche

Parlando di performance tecniche, le compagnie assicurative hanno la possibilità di mettere a punto nuovi strumenti di previsione del rischio. Se fino a qualche anno fa prendevano in considerazione solo ed esclusivamente l’età del conducente, la sua provincia di residenza, la tipologia di automobile, oggi possono prendere in considerazione infatti anche tutte le informazioni dinamiche che arrivano direttamente dalle scatole nere come ad esempio le percorrenze e i vari atteggiamenti alla guida. Si prendono in considerazione anche il traffico, le condizioni metereologiche, la pericolosità delle strade.

L’intreccio di tutte queste informazioni comporta una più semplice gestione dei sinistri. Le scatole nere infatti consentono di migliorare l’apertura di un sinistro e di rendere più semplice la fase istruttoria. Consentono di accedere ad un’ampia gamma di informazioni in modo immediato, proprio al momento del sinistro stesso, rendono possibile verificare subito le dichiarazioni delle parti prese in caso, di stabilire senza alcun dubbio quale sia stata la dinamica dell’indipendente, di capire subito chi sia stato il responsabile e anche di effettuare una prima stima dei danni.

Inoltre la compagnia ha la possibilità di aiutare in modo immediato il cliente, offrendo supporto alla compilazione del modulo CAI, garantendo un aiuto nella raccolto dei documenti, facendo sì che insomma il carico amministrativo sia minore e minori quindi anche le spese.

Le compagnie assicurative sperano di riuscire in questo modo anche a velocizzare la liquidazione dei sinistri di lieve entità. Secondo loro sarà persino possibile arrivare ad una liquidazione in appena poche ore dall’incidente.

Compagnie assicurative e cliente: intrecciare rapporti più forti

Le compagnie assicurative dovrebbero proteggere i loro clienti e garantire a loro la massima sicurezza possibile. Dobbiamo ammettere che nel corso di questi ultimi anni questo ruolo è venuto meno. Grazie alle scatole nere invece c’è finalmente la possibilità di ripristinarlo. La raccolta infatti di tutte le informazioni che vengono trasmesse ogni giorno dalle scatole nere, consente alle compagnie assicurative di capire quali siano gli atteggiamenti che rendono poco sicure le strade italiane. È così possibile aiutare i clienti a migliorare il loro comportamento alla guida.

Offrire delle mere informazioni al cliente ovviamente non è sufficiente. Le compagnie assicurative devono studiare tutta una serie di benefit da offrire ai clienti che dimostreranno di avere dei comportamenti virtuosi alla guida e che seguiranno i programmi di educazione alla sicurezza proposti dalla compagnia. In questo modo il rapporto tra compagnia e assicurato potrà rafforzarsi, prima di tutto perché la relazione avrà luogo anche al di fuori del mero ambito assicurativo e poi perché i benefit renderanno più fedele e felice il cliente.

Commenti